Aggiungi ai preferiti

Milano, 24 e 25 ottobre 2018

Trading Online Expo

Italia sì o Italia no?

09/10/2018


Dopo il notevole successo dei Piani Individuali di Risparmio (PIR) capaci nel 2017 di convogliare il 10% della raccolta totale dell’industria del risparmio gestito e di convincere 500mila risparmiatori a comprare per la prima volta un fondo comune di investimento (in base ai dati di una ricerca Assogestioni, a cura di Alessandro Rota), è allo studio un nuovo strumento che punta tutto sull’Italia. Si tratta dei CIR, ovvero i Conti Individuali di Risparmio.

I CIR potrebbero essere introdotti nella prossima legge di bilancio per incentivare l’investimento in titoli di stato da parte dei risparmiatori italiani. I CIR, a quanto è dato sapere, godranno di un doppio vantaggio fiscale: 1) niente tasse sui guadagni in conto capitale e sulle cedole; 2) la possibilità di una detrazione a fini Irpef del 23% sulle somme investite secondo quanto ha dichiarato alla Reuters Armando Siri, sottosegretario alle Infrastrutture e promotore dell’iniziativa. Questi prodotti saranno anche impignorabili e insequestrabili, al pari delle polizze assicurative.

Tra i nuovi CIR (di fatto investiti sui BTP) e i vecchi PIR, che puntano sul Made in Italy in Borsa e che hanno già catalizzato 18,566 miliardi di risparmi a fine giugno 2018 secondo la mappa trimestrale del Risparmio Gestito a cura di Assogestioni, non sarà troppa questa indigestione di Belpaese quando ha già un patrimonio immobiliare a rischio in Italia? Per evitare danni, occorre riflettere e gestire in modo razionale e non emotivo il proprio patrimonio.
 
Una buona idea è un check up a 360 gradi del proprio patrimonio mobiliare e immobiliare, per capire quello che veramente serve per vivere meglio. Un buon patrimonio? Dovrebbe essere un po’ solido, un po’ liquido e un po’ gassoso. E anche diversificato ma in modo flessibile. Questo perché diversificare mettendo in portafoglio un po’ di tutto e anche il suo contrario (le famose torte...), con un approccio passivo in mercati che cambiano continuamente può non essere la migliore idea nel tempo. Certamente è utile parlarne: ci vediamo alla TOL, giovedì 25 in Balconata2 (ore 14.00-15.00).

Prenota il tuo posto in sala cliccando qui.

Di seguito il link al programma della manifestazione.