Idem Option Tool, per investire sulla volatilità

di Stefano Zanchetta* | Sul sito di Borsa Italiana uno strumento a disposizione degli utenti per il trading con le opzioni. Appuntamento alla TOL, Mercoledì 23, 12:00 - 13:00 - Financial Forum 2.

Le opzioni sono uno strumento molto versatile per impostare delle strategie speculative ad ampio raggio, dalle più rischiose e quindi difficili da gestire, alle meno rischiose e quindi più semplici da gestire.
Il trader in opzioni può quindi costruirsi una propria “strategia su misura” secondo il suo carattere e le sue abitudini, scommettendo non solo sulla direzionalità dei prezzi ma anche sulla direzionalità di altre variabili di mercato come la volatilità, il tempo che trascorre, i tassi di interesse.
 
La “strategia su misura”, tuttavia, dovrebbe essere intesa come una “famiglia di strategie”, da adottare di volta in volta secondo quanto sta avvenendo e quanto dovrebbe avvenire nel prossimo futuro.
L’obiettivo principale dell’Idem Option Tool è di educare il trader verso la scelta della strategia più idonea in base alle sue aspettative di prezzi e volatilità. Si consideri, ad esempio, un trader che punti a profitti elevati con un basso impegno di capitale, pur intuendo che le probabilità di successo saranno basse: in questo caso le strategie più indicate saranno quelle di acquisto di volatilità, ossia di prevalenza di posizioni “lunghe” (Call o Put) rispetto alle posizioni “corte”. Ma quale di queste sarà la strategia da preferire?
 
Impostando le proprie preferenze riguardo a prezzi e volatilità (in questo caso “Neutral” sia per l’aspettativa sui prezzi che quella per la volatilità) si potrà essere guidati verso la strategia più opportuna tra le quali figurano proprio alcune strategie di tipo “Long”:
 


Selezionando “Long Strangle” viene indicata come esempio una strategia costruita con le MIBO weekly scadenti il 4 ottobre:

 
La strategia di esempio potrà essere analizzata attraverso le cosiddette greche e il grafico di payoff, strumenti essenziali per l’analisi di una strategia più o meno complessa. In particolare, le greche rappresentano l’analisi di sensitività della strategia, mentre il grafico di payoff serve all’analisi di “what if” per capire a quali perdite di potrebbe andare incontro per variazioni potenziali dei prezzi o della volatilità.
 
Nell’analisi di sensitività la strategia presenta un’esposizione negativa (-5673.39 euro), un theta giornaliero negativo di -36.88 euro e un vega positivo di 72.27 euro.


 
La strategia quindi è leggermente ribassista, perde circa 37 euro al passare di ogni giornata solare, guadagna 72 euro se la volatilità aumenta di un punto percentuale.
Attraverso il grafico di payoff si può notare come a scadenza il caso peggiore sia rappresentato dall’indice che vale nel range 21800 – 22500 (intervallo che coincide col valore dei due strike) mentre negli altri casi la strategia risulta quasi sempre vincente.
 


Il grafico però non deve indurre a considerarla una strategia a grande probabilità di guadagno: in realtà le opzioni scadono nel giro di 10 giorni di borsa aperta e per guadagnare a scadenza è necessario che l’indice il giorno 4 ottobre abbia superato i due punti di breakeven oltre 21800 e 22500 (è necessario non solo che raggiunga gli strike ma anche recuperare il costo iniziale pari ai premi pagati).
Lo strumento di analisi ha tanto più valore quanto più complicata è la strategia, sia come numerosità di posizioni che come prevalenza di posizioni “corte”: è la vendita allo scoperto di opzioni che può determinare grandi rischi.
Si consideri ad esempio la strategia seguente, impostata da chi desidera guadagnare a breve termine cifre contenute ma con alta probabilità, composta da due opzioni vendute allo scoperto:



In questo caso l’analisi di sensitività mostra valori differenti dalla strategia precedente:


Il theta è positivo (si guadagnano 15.72 euro al giorno), il vega è negativo (si perdono 52 euro se la volatilità sale di un punto). Anche gli stessi margini di garanzia presentano un valore pari a -3412.5 euro perché mantenere la posizione comporta un rischio massimo intorno a quell’importo: i margini di garanzia rappresentano il costo di riacquisto delle opzioni sommato alla massima perdita potenziale con orizzonte temporale di un giorno.
 
Il grafico di payoff a scadenza mostra come a fronte di un esiguo incasso iniziale (pari a 250 euro) ci sia, invece, un potenziale rischio ben più elevato nel caso in cui l’indice FTSEMIB si muovesse oltre gli strike, posizionati in questo caso a 20000 e 23000 punti indice.



In sintesi questa strategia può far guadagnare al massimo 250 euro (con buona probabilità) a fronte di un rischio di perdita di qualche migliaio di euro (anche se a bassa probabilità).
 
Idem Option Tool come strumento di analisi
 
Idem Option Tool può essere utile, inoltre, come strumento di analisi del sentiment di mercato: i dati di volatilità implicita a diversi strike/scadenze e, soprattutto, quella At the Money, rappresentano la stima della volatilità futura dell’attività sottostante.
Si consideri ad esempio la serie di opzioni su indice FTSEMIB in data 20 settembre 2019 con strike pari a 22000 punti e quindi vicino al valore spot (22128). I valori di volatilità implicita dalla scadenza di ottobre 2019 fino a dicembre 2019 si aggirano tra il 16.1% ed il 17.4 %. Questi valori possono essere letti in una certa stabilità attesa del mercato sui valori attuali di volatilità: un punto di aumento atteso tra ottobre e dicembre non denota alcuna scommessa da parte degli operatori di mercato, in primis i market maker, riguardo eventuali shock di volatilità nel breve termine.
 


Se invece l’analisi della struttura a termine della volatilità mostrasse un aumento di qualche punto si potrebbe intuire da parte degli operatori l’attesa verso un aumento futuro di volatilità.
La stessa analisi si potrebbe fare anche su tutti gli altri sottostanti ma in realtà è preferibile eseguirla solo in presenza di volumi sensibili sulle opzioni riferite al sottostante per avere delle informazioni più attendibili.
Conclusioni
Idem Option Tool ha applicazioni pratiche sia come strumento educativo per chi si avvicini alle opzioni sia come strumento operativo in alcuni ambiti specifici come l’analisi di volatilità e l’analisi delle strategie composte.
 
 
 
*Alla TOL Expo 2019, Stefano Zanchetta, Founder di Cube Finance, parlerà su come utilizzare l’Idem Option Tool presente sul sito di Borsa Italiana per costruire le strategie migliori in opzioni e per ottenere dalla volatilità delle opzioni alcune informazioni importanti per prevedere la volatilità dei mercati.
 
MERCOLEDÌ 23   12:00 - 13:00 - FINANCIAL FORUM2
TRADING CON LE OPZIONI: LA VOLATILITA' COME STRUMENTO OPERATIVO
 
 
 

Pubblicato il 26/09/2019