Main Sponsor
Main Media Sponsor
Partner tecnologico
In collaborazione con

Il trading con i pattern di prezzo

Di Michela Mercante | Alla Digital TOL Expo con Alessandro Aldrovandi: “Mostrerò configurazioni grafiche “non discrezionali” la cui caratteristica è quella di ripetersi nello stesso modo nel corso del tempo”. Giovedì 22, ore 16:15-17:00.

Alessandro Aldrovandi è un trader di successo (www.strategieditrading.it). Modenese di origine, 51 anni, laurea in Economia e Commercio, è socio ordinario AIAF e professional SIAT. Dopo alcune esperienze lavorative, dal 2002 ha deciso che il trading sarebbe diventata la sua professione principale. Opera con futures, azioni ed ETF italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. Nel 2019 per la casa editrice Hoepli ha scritto il libro “Il trading con i pattern di prezzo”. E proprio questo è il titolo del seminario che terrà alla Digital TOL Expo giovedì 22 ottobre (ore 16:15-17:00)

Cosa puoi anticipare del tuo intervento alla TOL Expo?

Durante il seminario descriverò numerose strategie operative che i trader utilizzano per operare con successo sui diversi mercati finanziari. In particolare, però, mi concentrerò sui pattern di prezzo, configurazioni grafiche “non discrezionali” che si formano nell’arco di tre/quattro sedute, la cui caratteristica più importante è quella di ripetersi sempre nello stesso modo nel corso del tempo.


Con che vantaggi per il trading?

Il fatto che si ripetano nello stesso modo consente a chi opera di individuarli con relativa facilità e, in tal modo, di poter prevedere quale sarà con buona probabilità il successivo movimento dei prezzi. Ci tengo ad aggiungere che le strategie proposte sono utilizzabili anche dagli investitori che non possono seguire l’andamento dei mercati in tempo reale.

Come è possibile?

È possibile perché il punto di partenza è il grafico giornaliero (daily): in questo modo il riconoscimento dei pattern viene effettuato una sola volta al giorno, alla chiusura di seduta o prima dell’apertura, e consente di stabilire a priori i livelli sui quali inserire gli ordini di acquisto (long), di vendita (short), di stop-loss e di take profit. Per ogni pattern, infine, mostrerò un’analisi statistica che evidenzia non solo la frequenza con la quale si manifesta, ma anche la sua affidabilità e profittabilità in funzione delle diverse situazioni di mercato.
 

Pubblicato il 12/10/2020

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti contenuti in in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione, accetti l'uso di cookie.