Main Sponsor
Main Media Sponsor
Partner tecnologico
In collaborazione con

Vita da trader, la storia di Jesse Livermore

Di Michela Mercante | Stefano Fanton, trader e formatore, alla Digital TOL Expo con una conferenza dedicata al più grande speculatore di tutti i tempi. Mercoledì 21 dalle ore 13:15 alle 14:00.

Stefano Fanton, trader, formatore e autore di numerosi libri sull’argomento, è un nome ben conosciuto tra gli appassionati del trading online italiano. È anche il fondatore del sito Traderpedia.it, una vera enciclopedia del trading e una delle maggiori community italiane per i cultori della materia.
 
Alla Digital TOL Expo di Borsa Italiana, Fanton sarà presente con una conferenza dedicata a Jesse Livermore, mercoledì 21 ottobre (ore 13:15-14:00). “La vita di Jesse Livermore – esordisce - sembra quella di un personaggio di un romanzo, destinato a momenti di gloria e di disperazione, temuto e invidiato da una moltitudine di persone. Ma chi era davvero? Come è riuscito a diventare una leggenda del trading? E, soprattutto, cosa ci può insegnare ancora oggi la sua vita? Ebbene, cercherò di dare delle risposte a queste domande”.
 
In effetti Jesse Livermore fu certamente uno dei maggiori speculatori del secolo scorso, divenuto trader fin dalla tenera età di 14 anni. Aggiunge Fanton “Personalmente non ho dubbi, Livermore è stato il più grande trader privato di tutti i tempi, capace di creare fortune immense e di perderle. Finendo poi suicida, a dimostrazione che il rischio, dopotutto, è compagno ineluttabile di ogni vita”.
 
Per la cronaca, Livermore perse tutti i suoi soldi, una fortuna che ne faceva uno degli uomini più ricchi di Wall Street, dopo la crisi del 1929. Poi, nel 1940, all’età di 63 anni, decise di togliersi la vita in un bar di New York, non senza aver lasciato un affettuoso bigliettino alla moglie scrivendo “non me la sento più di combattere”.
 
Tra i contributi di Stefano Fanton all’evento di Borsa Italiana va segnalato anche il video tutorial realizzato per il TOL Contest (Consulta il webinar cliccando qui). Spiega Fanton: “Tutti noi viviamo immersi nel rischio, spesso inconsapevolmente. C'è però una grande differenza tra il giocare con il caso, e subire inconsapevolmente gli effetti del rischio, ed essere giocati dal caso”. E conclude: “Per un trader parlare di perdite è spesso un argomento tabù, ma la perdita, collegata al rischio atteso, è una variabile che occorre padroneggiare”.
 
 

Pubblicato il 08/10/2020

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti contenuti in in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione, accetti l'uso di cookie.